Ultime dal sito

Maggio 2017
Due nuovi articoli interessanti: uno sull'evoluzione di due cognomi di Bussolengo,
ed uno sul Saponificio Pinali. E poi la registrazione di un Matrimonio Francese.

Marzo 2017
Tre nuovi articoli sui nostri VIP.  Vedi la relativa sezione.
San Valentino 2017
Una nuova sezione tutta da esplorare che comincia con tanta STORIA
legata a San Valentino e continua con tante altre storie!
San Valentino 2017
Al Centro Sociale una bellissima mostra sulla Scuola a Bussolengo dagli inizi
fino a pochi decenni fa. Bravo Circolo Noi. Da vedere.
29 dicembre 2015
Il sito diventa "responsive", è possibile quindi vederlo anche su smartphone e tablet. Numerose sono poi le aggiunte ed i miglioramenti. Da esplorare!
Natale 2015 
Si festeggia in piazza a Bussolengo.   Guarda alcune bellissime foto.

Agguato nell'ombra in "crosara".

La forma insolita di una casa può favorire le più suggestive leggende dove la fantasia si mescola al vero e al verosimile senza confini definiti. Chi è che non ha notato quella casa che sorge in «crosara» proprio sull'angolo tra via Mazzini e via Citella in direzione Verona.

E giunta voce che sotto le sue mura merlate e le eleganti finestre riecheggiò in una notte antica il rantolo di morte di un nobil signore. Nel tempo di dame, cavalieri, armi e amori, quando un unico, grande territorio apparteneva ad un unico, potente feudatario che controllava ogni cosa e che era il punto di riferimento per tutti gli abitanti della zona, due giovani di Bussolengo decisero di sposarsi.

Come tutti i futuri sposi dovevano però rispettare il «ius primae noctis», il «diritto della prima notte»: in sostanza, non si celebrava alcun matrimonio se prima non si passava dal signorotto che, a significare la sua autorità, chiedeva per lo più il pagamento di un tributo, ma sembra che talvolta esigesse di passare la prima notte di nozze con la novella sposa; il signorotto di Bussolengo fece proprio quest'ultima richiesta che sarebbe stata «onorata» all'interno della casa della «crosara».

II marito di turno meditava la vendetta; la moglie era sua! Che andassero pure a farsi friggere certe usanze; lui a mangiarsi le mani e a rodersi Io stomaco in un angolo, proprio non si vedeva!

La sera, dopo il matrimonio, si nascose quatto quatto nell'ombra, si mise ad aspettare e quando giunse il signorotto, tutto baldanzoso e con gli occhietti che luccicavano, gli saltò addosso uccidendolo.

Una croce in ferro sul muro della casa ancora oggi sta a testimoniare e a ricordare il fatto.
E.Z.
Image4 Image7 Image3 Image5 Image2 Image1 Image6 Image8

Visitatori

OggiOggi58
IeriIeri179
Da lunedìDa lunedì237
Questo meseQuesto mese3677
TuttiTutti285597
On line ora 38
MinieraPennsylvania2
MinieraPennsylvania2