Ultime dal sito

22 Giu 2017
Durante la recente Festa di San Valentino il Gruppo Noi ha organizzato una bellissima mostra sulla
Scuola a Bussolengo. Leggi la Storia della Scuola nel nostro paese e la vita di un suo protagonista.
31 Maggio 2017
Per ricordare l'indimenticabile arciprete mons. Angelo Bacilieri riportiamo
l'iscrizione funebre che appare sulla registrazione della sua morte.

Maggio 2017
Due nuovi articoli interessanti: uno sull'evoluzione di due cognomi di Bussolengo,
ed uno sul Saponificio Pinali. E poi la registrazione di un Matrimonio Francese.

Marzo 2017
Tre nuovi articoli sui nostri VIP.  Vedi la relativa sezione.
San Valentino 2017
Una nuova sezione tutta da esplorare che comincia con tanta STORIA
legata a San Valentino e continua con tante altre storie!
San Valentino 2017
Al Centro Sociale una bellissima mostra sulla Scuola a Bussolengo dagli inizi
fino a pochi decenni fa. Bravo Circolo Noi. Da vedere.
LA CHIESA DI SAN VALENTINO.
La storia del Santo e la storia della chiesa lui dedicata.


La Fiera di san Valentino, a Bussolengo, s'identifica e trova naturale punto di raccolta nell'omonima chiesa, da sempre oggetto di particolare devozione da parte degli abitanti. Il restauro, compiuto grazie agli sforzi dell'amministrazione comunale, della parrocchia di Bussolengo e di lodevoli gruppi di volontariato, ha ridato splendore - anche se vi sarebbe tuttora molto da fare - ad un luogo che porta in sé, al di là dei tesori artistici, i segni della storia più intima ed edificante del grosso paese alle porte di Verona.

Perché è importante comprendere come le testimonianze della cristianità e della devozione, in passato più che oggi, siano state intimamente legate alle vicende quotidiane di una comunità. E Bussolengo non fa eccezione, anzi.

Oggi Bussolengo mostra anche all'occasionale visitatore i segni di un certo benessere, ma non è sempre stato così. Fino a tutto il secolo scorso, al contrario, il nostro comune fu periodicamente segnato e colpito da quelle sventure che rendevano ancora più difficile la già dura vita di una classica comunità contadina: guerre e battaglie che lasciavano dietro di sé morte, distruzione e dolore; e ancora calamità naturali come le alluvioni, la siccità e la carestia, le malattie epidemiche che colpivano gli uomini e loro fonti di sopravvivenza, come il bestiame e i raccolti.

Una vita durissima, dunque, sempre sulla difensiva nei confronti di eventi alla presenza dei quali l'uomo si sentiva piccolo, inerme, in balia della sorte. La risorsa fondamentale che dava la spinta per superare ogni tipo cli disgrazia, e per non lasciarsi travolgere dalle avversità, era la fede in Dio. Era una fede che chiedeva aiuto anche pratico nell'esistenza quotidiana, e che si esplicitava, si naturalmente, nell'edificazione di simboli visivi legati ai santi, ognuno di essi a loro volta assimilati a determinati campi d'azione. Il tutto amplificato, a livello di tali testimonianze, dal fatto che Bussolengo era collocato in una posizione logisticamente molto importante, e quindi territorio di passaggio di viandanti, pellegrini, soldati.

All'imbocco della Valdadige, alle porte di Verona, Bussolengo era vicina alla direttrice dell'antica via Claudia Augusta romana, che godeva di una 'chicane'- come si direbbe oggi - sulla riva destra via Ponton; via Claudia che, sempre nel territorio di Bussolengo, si congiungeva alla Gallica tra Milano e Verona, antesignana della statale che a tutt'oggi passa da Peschiera e Castelnuovo; infine la Molinara quella che, proprio davanti alla chiesa di S. Valentino, portava verso Villafranca i carri pieni di farina macinata diretti verso i mulini del mantovano. Sulle strade di questo territorio, passarono Giulio Cesare, i Cimbri, il proconsole Caio Mario, e poi gli Unni di Attila che dove passava non faceva più crescere l'erba.

Il tutto per far capire come Bussolengo, data la sua posizione, fosse luogo naturalmente deputato alle testimonianze ed ai luoghi di culto. San Valentino, accanto ad altre chiese (San Salvar, San Francesco dei Padri Redentoristi, San Michele all'Adige) di Bussolengo, trova in tali presupposti "geografici" la sua motivazione precipua.

Non si conosce con certezza la data di costruzione di san Valentino, ma da alcuni dipinti si può con buona approssimazione desumere che essa vada collocata nel XIII° secolo; stilisticamente, si può definire una struttura romanico-rustica, posta sull'antica strada Molinara cui abbiamo sopra accennato. E' dedicata a un San Valentino vescovo di Terni (da non confondersi con un omonimo nordico, vescovo di Passau) che fu martirizzato a Roma nel 1270. Val la pena spendere qualche riga per chiarire la figura di questo santo, che ha fatto diventare famosa in tutto mondo la ricorrenza del 14 febbraio.

Mentre esercitava il proprio vescovado in Umbria, tre giovani greci, Procolo, Efebio e Apollonio, si recarono a Roma, per studi latini, a prender lezioni da un celebrato maestro, Cratone, che li ospitò nella propria casa. In quel periodo, il figlio di Cratone, Cheremone, si era ammalato di un morbo che ne stava deformando progressivamente tutto il corpo, e che nessun medico di Roma riusciva a guarire. Si venne a sapere, da un soldato romano, che un male simile era stato guarito da Valentino, vescovo di Terni.
Cratone allora lo fece chiamare, offrendogli qualsiasi ricchezza se avesse fatto guarire il figlio. Valentino rispose che avrebbe accettato se quelle ricchezze fossero invece state donate a poveri, e se Cratone si fosse convertito al Cristianesimo. Non solo Cratone, ma anche i suoi tre allievi greci si fecero battezzare, e Valentino, tramite una gran luce che improvvisamente invase la stanza del degente, guarì il figlio malato. La fama si sparse, molti romani si convertirono, tra cui Abbondio, figlio del prefetto della città. A questo punto il vescovo Valentino era assurto a intollerabile minaccia per la Roma pagana e fu proprio il padre di Abbondio, Placido, a farlo decapitare.

Una storia, questa, che si può ricostruire anche dai dipinti sulle mura interne ed esterne della chiesa.

Un culto sentitissimo, quello di San Valentino lo abbiamo già detto: basti pensare che un tempo ben tre chiese, a Bussolengo, portavano questo nome: San Valentino "antica", cioè l'attuale, quella che poi divenne Santa Maria della Disciplina, e quella, allora chiamata San Valentino "nuovo", poi ribattezzata San Francesco.

L'attuale San Valentino fiorì in tutto il suo splendore all'inizio del XV° secolo, quando venne restaurata dalla Congregazione dei Disciplinati, meglio conosciuti come Flagellanti. Un nome che evoca la religiosità più dura e cupa dell'epoca medievale; la "cifra stilistica" di quest'ordine era appunto costituita dalle violente penitenze corporali cui i suoi adepti si sottoponevano. Ma al di là degli impressionanti atti di autoflagellazione, delle lugubri processioni nelle campagne a suon di inni e salmi penitenziali invocanti la misericordia divina contro la tristezza dei tempi, i Disciplinati furono anche protagonisti di un movimento apportatore di molti benefici: assistevano i poveri, gli ammalati, viandanti, ed avevano una particolare perchiant inclinazione per il restauro di luoghi sacri.
Furono loro ad interessarsi, a Bussolengo, perché vicino a san Valentino, sulla Crosara, sorgesse un ospedale, e furono loro, appunto, a fare della chiesa di san Valentino luogo di culto preferito e quindi meritevole di attenzione anche dal punto di vista estetico. In quest'epoca, infatti, venne posta all'interno della chiesa la bella statua lignea di San Valentino, e vennero avviati quei lavori di decorazione, che sarebbero proseguiti fino al 1806, anno in cui la Congregazione dei Disciplinati fu sospesa; tra il XVII° e il XVIII° secolo, ad esempio, la chiesa venne elevata, fu modificata l'abside e vennero aggiunti tre altari, venne edificato il campanile (allora con una cupola caduta all'inizio di questo secolo e mai più ricostruita), realizzata la cantoria, tuttora presente ma impraticabile per la marcitura del legno. Nel porticato, restituito alla vista dopo il restauro di vent'anni orsono, sono presenti affreschi da molti attribuiti ai pittori Domenico e Francesco Morone, vissuti tra il '400 e il '500. Ma è l'interno di san Valentino che è più ricco di elementi artistici interessanti.

Tra le decorazioni della cantoria, ad esempio, vi sono affreschi, peraltro molto deturpati, che ricordano alcuni miracoli di san Valentino, tra cui quello di aver protetto Bussolengo, nel 1711, dall'afta epizootica che provocò una moria di bestie a causa del passaggio di alcuni buoi già malati provenienti dalla Dalmazia.

Fu in quel periodo, tra l'altro, che vennero gettate le basi per la Fiera di San Valentino.

Sulla parete di destra, spicca all'occhio del visitatore la scena del santo sepolcro, ospitata in un locale a volta: è un insieme di otto statue lignee di grande espressività, di grande pietas, il Cristo morto è attorniato da varie figure tra cui la Madonna svenuta, la Maria Maddalena piangente, Nicodemo e Giuseppe d'Arimatea in ginocchio, san Giovanni. Il sepolcro è sovrastato da un dipinto decorativo del '600, raffigurante angeli ed evangelisti. E da questo punto, per tutta la lunghezza della chiesa, scorrono due fasce di dipinti con scene e personaggi santi. I dipinti della fascia superiore, molto belli e databili al XV° secolo, sono attribuiti ad un anonimo "Maestro di Bussolengo". Tra i tanti santi raffigurati all'interno della chiesa, va ricordato un San Valentino, nella sua classica immagine pastorale, che si attribuisce invece a Francesco Morone, riconosciuto autore di un simile dipinto nel convento di San Bernardino a Verona.

Altro dipinto importante, la Crocefissione nell'atrio sud della Chiesa, ricavato, nel restauro dell'81, da locali prima adibiti ad abitazione del sagrestano.
L'autore della Crocefissione, databile al XIV°-XV° secolo, dovrebbe essere Giovanni Badile.

Infine, citiamo l'altare della "Madonna dello spasimo", cosiddetta perché nell'atto del pianto, davanti al quale viene posta la statua di San Valentino nei giorni della sua Festa; e una reliquia dello stesso Santo, un braccio che venne donato alla chiesa, nel 1654, da un tale Valentino Corradino, che l'aveva a sua volta ricevuta da un cavaliere di nome Tommaso Candido.
La reliquia viene anch'essa esposta durante la Festa.

VEDI L'ARTICOLO ORIGINALE.

Image3 Image1 Image4 Image5 Image6 Image2 Image8 Image7

Visitatori

OggiOggi242
IeriIeri156
Da lunedìDa lunedì558
Questo meseQuesto mese4656
TuttiTutti304485
On line ora 26
MinieraPennsylvania
MinieraPennsylvania