Ultime dal sito

22 Giu 2017
Durante la recente Festa di San Valentino il Gruppo Noi ha organizzato una bellissima mostra sulla
Scuola a Bussolengo. Leggi la Storia della Scuola nel nostro paese e la vita di un suo protagonista.
31 Maggio 2017
Per ricordare l'indimenticabile arciprete mons. Angelo Bacilieri riportiamo
l'iscrizione funebre che appare sulla registrazione della sua morte.

Maggio 2017
Due nuovi articoli interessanti: uno sull'evoluzione di due cognomi di Bussolengo,
ed uno sul Saponificio Pinali. E poi la registrazione di un Matrimonio Francese.

Marzo 2017
Tre nuovi articoli sui nostri VIP.  Vedi la relativa sezione.
San Valentino 2017
Una nuova sezione tutta da esplorare che comincia con tanta STORIA
legata a San Valentino e continua con tante altre storie!
San Valentino 2017
Al Centro Sociale una bellissima mostra sulla Scuola a Bussolengo dagli inizi
fino a pochi decenni fa. Bravo Circolo Noi. Da vedere.
Collegati al sito della nostra Parrocchia.

CONFRATERNITA DEI DISCIPLINI  (1300 - 1806)
Chi si trova a passare per il cortile dell'anagrafe del Comune di Bussolengo, può notare ancora oggi  quanto rimane della Chiesa dei Disciplini.
Era la sede della Confraternita dei Disciplini (per alcuni, Disciplinati), una congregazione facente parte di un  movimento religioso partito da Perugia e diffusosi, grazie all'impulso del beato Raniero Fasani, nel centro e nel settentrione della Penisola intorno al 1260.
Un movimento, composta da laici, che nella mortificazione del corpo trovavano la propria santità ponendosi quale esempio per gli altri.
La loro struttura gerarchica consisteva in un priore, un sottopriore, un segretario, un esattore, due infermieri e un sagrestano. Tutte cariche che venivano conferite con cadenza annuale.
La loro divisa consisteva in un saio di grezza tela nera con cappuccio e bavero, cinto da un cordone francescano cui erano appesi cinque catenelle.
Con questa divisa, il Giovedì Santo, visitavano le chiese di Bussolengo (all'incirca 15) prima di finire il loro pellegrinaggio nella loro chiesa. Una lunga processione durante la quale i Disciplini si flagellavano, pregando e meditando sulla Passione di Gesù.
Le poche “Regole” che avevano, seguite scrupolosamente, puntavano essenzialmente a portare aiuto agli ammalati, ai poveri, ad accompagnare a sepoltura i confratelli e a pregare per essi con Uffici e Messe.
Riconosciuti canonicamente (1391) dal Vescovo di Verona, Mons. Giacomo De Rossi, i Disciplini ottengono il compito di prendersi cura delle chiese e di costruire dei locali da adibire ad ospedale.
Grazie ad una donazione di un certo Gerolamo, l'ospedale più tardi viene “allargato” tanto da consentire di separare i degenti maschi dalle donne.
Nel tempo la confraternita diventa ricca e potente tanto da preoccupare le autorità ecclesiastiche che, oltre a tenerla sotto stretta “sorveglianza”, cercarono di limitarne il potere integrando lo statuto di nuove regole e imponendo su di loro l'autorità del Parroco e  il controllo del Vescovo.
Con l'avvento di Napoleone Bonaparte, i Disciplini nel 1806 sono costretti a sciogliersi. 
Image3 Image4 Image2 Image8 Image5 Image1 Image7 Image6

Visitatori

OggiOggi169
IeriIeri298
Da lunedìDa lunedì779
Questo meseQuesto mese5671
TuttiTutti299072
On line ora 39
MinieraPennsylvania2
MinieraPennsylvania2
LibroNascite1600
LibroNascite1600