Ultime dal sito

Maggio 2017
Due nuovi articoli interessanti: uno sull'evoluzione di due cognomi di Bussolengo,
ed uno sul Saponificio Pinali. E poi la registrazione di un Matrimonio Francese.

Marzo 2017
Tre nuovi articoli sui nostri VIP.  Vedi la relativa sezione.
San Valentino 2017
Una nuova sezione tutta da esplorare che comincia con tanta STORIA
legata a San Valentino e continua con tante altre storie!
San Valentino 2017
Al Centro Sociale una bellissima mostra sulla Scuola a Bussolengo dagli inizi
fino a pochi decenni fa. Bravo Circolo Noi. Da vedere.
29 dicembre 2015
Il sito diventa "responsive", è possibile quindi vederlo anche su smartphone e tablet. Numerose sono poi le aggiunte ed i miglioramenti. Da esplorare!
Natale 2015 
Si festeggia in piazza a Bussolengo.   Guarda alcune bellissime foto.
Collegati al sito della nostra Parrocchia.

B U S S O L E N G O  tra
EDICOLE e PESCHI, AFFRESCHI e ULIVI,  
TABERNACOLI e VIGNETI
  
I   C A P I T E L L I
 
PREMESSA

Quando decisi d'imbarcarmi in questa impresa (suggeritami dalle tante passeggiate effettuate nel territorio di Bussolengo), ero convinto di dover lavorare su un progetto inedito ovvero pensavo di aver trovato l'esclusiva su un qualcosa che contribuiva a dare forza e carattere alla Storia di Bussolengo.

Una convinzione subito smentita fin dai primi approcci con il progetto stesso: man mano che raccoglievo materiale utile alla bisogna, sempre più montava in me la  consapevolezza di trovarmi su un terreno inflazionato.

Il calendario del 2004 edito dall'AVIS locale: un'opera in cui la dottoressa Anna Maria Racasi, cara amica oggi non più con noi, pubblica accanto ad ogni mese foto di capitelli (tratte dall'Archivio Storico del Comune) accompagnandoli con una descrizione storica.

La raccolta di giornali “Bussolengo prima pagina” pubblicata dal Centro Culturale Mons Bacilieri: tra questi, uno effettua un approfondimento sui capitelli sparsi sul nostro territorio e ne avvalora il lato storico inventariandoli, mappandoli.

Altri lavori inerenti mi vengono da “ Bussolengo immagini di storia” volume edito dal Comune di Bussolengo – Archivio Storico -; da foto e da archivi privati.

Scopro che anche Angelo Bacilieri, prete amatissimo dai bussolenghesi, ne parla nel suo “Bussolengo,  Appunti monografici”.

L'impulso mi dice di lasciar perdere: a chi può mai interessare una “minestra riscaldata”? Chiudo quanto raccolto in uno scatolone, torno alle mie passeggiate.

Guardo la gente che pratica lo sport “del camminare” specialmente nei fini settimana, rifletto e ci ripenso: la ragione di essere del mio progetto è nel trekking ed è proprio in questo tipo di attività popolare che il mio lavoro deve trovare il suo giusto spazio.  

Mi impegno  nel  recupero  di  sentieri  un  tempo attraversati da viandanti che con il loro spostarsi da un luogo all'altro contribuirono a “segnare” percorsi “verdi” e, considerati gli interessanti risultati ottenuti, decido di proporli quali “itinerari dello svago o, se si preferisce, della salute”.

Itinerari aperti a pedoni e/o a ciclisti in quanto sono percorsi serpeggianti in un contesto paesaggistico idoneo a far conoscere a fondo e senza troppo sforzo, un altro aspetto inedito di ecosistemi paesaggistici.

Passeggiate/biciclettate che uniscono presente-passato in un ripercorrere di attività rurali, industriali ed agricole del territorio offrendo una varietà di scoperte, ma anche implicando qualcosa di fisico. Un muoversi da dedicare alla scoperta romantica di storie tramandate a noi attraverso capitelli, nicchie, tabernacoli ed affreschi che racchiudono tanti segreti nei bellissimi luoghi che dalle colline moreniche scendono fino all'Adige.

La via verde dell'imponente Forte di Pastrengo che immerge nella faccia rurale del territorio; la strada della Centrale (Enel) che fa correre il pensiero a lontane attività, come quella della filanda, affondanti il loro essere, la loro linfa nei morari (gelsi); le vie dei principali canali che intricano l'animo con quel loro intersecarsi e a quell'unirsi tra loro grazie agli innumerevoli e caratteristici ponticelli.

Un territorio dai tanti percorsi, un territorio veramente degno di essere scoperto per gli angoli naturali  e per tutti quei resti antichi che raccontano una Storia, scritta, ma mai approfondita, intensamente vissuta dai nostri predecessori.

La premessa in verità vuol essere un invito a prendere coscienza di tali realtà, è una preghiera a lasciare in garage l'auto, è uno sprone ad indossare scarpe morbide, a controllare le nostre biciclette e...  via!  

Viviamo una contrada (la nostra) che merita di essere goduta passo dopo passo, in silenzio, accompagnati soltanto dal rumore del nostro camminare o dal leggero stridore del tubolare.               

                                                                                        Aurelio

Image1 Image7 Image5 Image3 Image4 Image8 Image6 Image2

Visitatori

OggiOggi58
IeriIeri179
Da lunedìDa lunedì237
Questo meseQuesto mese3677
TuttiTutti285597
On line ora 31
EllisIsland1892
EllisIsland1892
BibliotecaStoricaSMM1
BibliotecaStoricaSMM1