Ultime dal sito

Maggio 2017
Due nuovi articoli interessanti: uno sull'evoluzione di due cognomi di Bussolengo,
ed uno sul Saponificio Pinali. E poi la registrazione di un Matrimonio Francese.

Marzo 2017
Tre nuovi articoli sui nostri VIP.  Vedi la relativa sezione.
San Valentino 2017
Una nuova sezione tutta da esplorare che comincia con tanta STORIA
legata a San Valentino e continua con tante altre storie!
San Valentino 2017
Al Centro Sociale una bellissima mostra sulla Scuola a Bussolengo dagli inizi
fino a pochi decenni fa. Bravo Circolo Noi. Da vedere.
29 dicembre 2015
Il sito diventa "responsive", è possibile quindi vederlo anche su smartphone e tablet. Numerose sono poi le aggiunte ed i miglioramenti. Da esplorare!
Natale 2015 
Si festeggia in piazza a Bussolengo.   Guarda alcune bellissime foto.
Collegati al sito della nostra Parrocchia.

Certamente nel secolo scorso i bimbi nascevano in casa e quindi la levatrice era una figura importante nel paese.

Nel periodo finora registrato, i nomi rilevati delle levatrici sono una sessantina, ma oltre il 20% delle scritture non ha l’indicazione della allevatrice come spesso viene chiamata (talvolta assieme all’appellativo autorizzata).

Dalla frequenza delle citazioni si può ipotizzare che già allora ci fosse una levatrice condotta (forse più di una).  Per esempio Teresa Zamboni in Ambrosi opera tra il 1829 (forse da prima) ed il 1836, Lugo Aurora sicuramente opera come principale levatrice fra il 1843 ed il 1850, mentre tra il 1853 ed il 1870 la principale allevatrice è sicuramente Angela Venturelli.

Fra il 1850 ed il 1852 forse c’è un periodo di trapasso in quanto si trovano molti nomi tra cui i più importanti sono Benati Domenica definita assistente nel 1852, Martinelli Domenica, Agostini Angela ed altre minori.

Martinelli Domenica, in particolare, la si trova  spesso in tutto il periodo tra il 1840 ed il 1860 e sembra essere la principale ostetrica tra il 1836 ed il 1840. Nel 1841 molti sono nati ad opera di Bernardi Domenica mentre nel 1842 è particolarmente attiva Anna Menapace.

Un caso interessante è quella delle levatrici di cognome Cesarini.
Ne troviamo ben cinque:
- Teresa/Teresia di Pastrengo che viene talvolta a far nascere i bimbi a Bussolengo tra ’40 ed il ’55.
- Anna/Annetta sempre di Pastrengo la troviamo ogni tanto fra il 1848 ed il 1868.
- Troviamo anche Domenica, Angela e Giovanna.

E’ possibile che siano tutte della stessa famiglia operante a Pastrengo; probabilmente Giovanna è di una generazione successiva a quella delle altre, visto che inizia ad operare solo dopo il ’66.

E da fuori ne venivano molte, probabilmente chiamate dalle mamme a loro volta di origine “forestiera”. Alcuni nomi: Banterla Angela di Palazzolo,  Battistoni Speranza di Sandrà, Benesini Cristina di Pescantina, Elisabetta Pachera del Chievo Gaburro Rosa di Lugagnano e così tante altre tra cui “una di Pastrengo per accidens”, ” l’allevatrice del Chievo, la vecchia solita”, “Domenica Barbi levatrice tollerata” e pure un ”Religioso Redentorista”.

Molto spesso le levatrici oltre a far nascere i bimbi li dovevano battezzare in quanto in pericolo di vita, e di angioletti purtroppo in quel periodo ce n’erano molti. Sui 2700 rilevati finora almeno 136 sono volati in cielo subito dopo la nascita (circa 8 ogni 100, vedi il relativo documento).

Image3 Image4 Image1 Image7 Image8 Image2 Image5 Image6

Visitatori

OggiOggi56
IeriIeri135
Da lunedìDa lunedì658
Questo meseQuesto mese4098
TuttiTutti286018
On line ora 6
MinieraPennsylvania2
MinieraPennsylvania2
LibroNascite1751 1775
LibroNascite1751 1775