Ultime dal sito

22 Giu 2017
Durante la recente Festa di San Valentino il Gruppo Noi ha organizzato una bellissima mostra sulla
Scuola a Bussolengo. Leggi la Storia della Scuola nel nostro paese e la vita di un suo protagonista.
31 Maggio 2017
Per ricordare l'indimenticabile arciprete mons. Angelo Bacilieri riportiamo
l'iscrizione funebre che appare sulla registrazione della sua morte.

Maggio 2017
Due nuovi articoli interessanti: uno sull'evoluzione di due cognomi di Bussolengo,
ed uno sul Saponificio Pinali. E poi la registrazione di un Matrimonio Francese.

Marzo 2017
Tre nuovi articoli sui nostri VIP.  Vedi la relativa sezione.
San Valentino 2017
Una nuova sezione tutta da esplorare che comincia con tanta STORIA
legata a San Valentino e continua con tante altre storie!
San Valentino 2017
Al Centro Sociale una bellissima mostra sulla Scuola a Bussolengo dagli inizi
fino a pochi decenni fa. Bravo Circolo Noi. Da vedere.
Collegati al sito della nostra Parrocchia.

PRIMA DI NAPOLEONE. SAN SALVAR E SANTA MARIA MAGGIORE.
                  
Prima dell'avvento napoleonico, i morti venivano tumulati all'interno delle chiese (Santa Maria Maggiore, San Valentino, San Francesco) oppure all'esterno delle chiese ove erano stati impiantati quattro cimiteri: uno a occidente di San Salvar, un secondo davanti alla chiesa di Santa Maria Maggiore, un terzo a oriente della chiesa di San Micheletto e un quarto presso la chiesa di San Vito. Essendo considerate oratori o semplicemente chiese sussidiarie, non erano dotate di cimitero le chiese di San Rocco e di San Valentino.
Sull'età di questi cimiteri si sa poco o nulla. Lavori eseguiti alla fine del secolo XIX a San Salvar, hanno portato alla luce resti umani, lucerne e suppellettili funerari risalenti all'epoca romana a conferma dell'esistenza di un cimitero antico che potrebbe essere di origine pagana o longobardo-cristiana. Di certo si sa solo che questo cimitero non è stato più usato dalla fine del 1600: durante la visita del vescovo Alberto Velier, nel 1595, il suo cancelliere annotava “vi è il cimitero ma in esso non vi seppelliscono i defunti”.
       
Circondato da muri e costruito davanti alla facciata della chiesa, era l'antico cimitero di Santa Maria Maggiore.
Secolo IX? Sicuramente si può far risalire la sua esistenza, documentata, già al 1200. Al centro della struttura, per volere del vescovo Sebastiano Pisani, nel 1656 viene posta una colonna sormontata da una croce di ferro (in seguito traslocata nell'attuale cimitero).
Considerando nel suo insieme la struttura, non solo la colonna, va attribuita ad un periodo antecedente, ma è da notare la sua posa in opera “al contrario” cioè il capitello è alla base: forse per dare più “luce” alla croce?
La crescita del cimitero di Santa Maria Maggiore è così costante da richiedere, nel 1692, la costruzione di una strada per facilitare le processioni; nel 1718, il restauro e l'ampliamento; nel 1730, risalta l'intervento del vescovo Francesco Trevisani: “Si restaurino quanto prima i muri del cimitero tutt'intorno e ogni ingresso venga ristretto e su entrambe le parti si innalzi una croce di ferro; inoltre si scavi una fossa sopra la quale venga posta una grata, per lo meno in legno perforato largamente, per impedire l'ingresso agli animali non solo nel cimitero ma pure in chiesa”.
Nel XVIII secolo, il cimitero fa da contorno alla chiesa tramandando al secolo successivo le problematiche da risolvere allorché si decide la costruzione della canonica, la piazza, la scalinata di accesso al Comune e il muro di contenimento lato via Borghetto.
Nel 1853 il Comune concede alla “Corporazione dei Chierici” 54 mq. per la costruzione della casa canonica a nord della chiesa, ricordando alla Fabbriceria che tutta l'area cimiteriale è proprietà del Comune come testimonia un lavoro di manutenzione del cimitero, effettuato nel 1835, costato alle casse comunali 175,62 lire.
Ai lavori citati, si sovrappongono i lavori di ampliamento richiesti dal parroco Luigi Salomoni nel 1858: si erige la statua dell'Immacolata sulla gradinata, per l'occasione ingrandita, che porta al Comune, si costruisce un muro di contenimento parallelo alla via Borghetto in sostituzione di quello esistente ormai in rovina, si crea un giusto spazio per il mercato del bestiame (pecore e suini).
Di fatto il cimitero di Santa Maria Maggiore cessa la propria ragione di essere nel giugno del 1813 ottemperando così al decreto napoleonico.
Image4 Image5 Image2 Image3 Image8 Image7 Image6 Image1

Visitatori

OggiOggi12
IeriIeri212
Da lunedìDa lunedì879
Questo meseQuesto mese4212
TuttiTutti297613
On line ora 3
MinieraPennsylvania2
MinieraPennsylvania2
IndiceNascite1800
IndiceNascite1800